Berlin Defrag
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.
Grandi edifici, all'apparenza scatole vuote, hanno la forma di esigenze umane e funzionano come macchine.
Spazi urbani misurati e studiati per il funzionamento della collettività, da un distaccato punto di vista sembrano sproporzionati. La figura umana appare fuori posto, vulnerabile e si affretta quindi a trovare il suo agio.